Abbi il coraggio di essere te stesso, la lezione ispiratrice di “Mirror, mirror” by Cara Delevingne
Ai miei lettori voglio dire soprattutto che va benissimo anche se non avete ancora capito chi siete.

Ai miei lettori voglio dire soprattutto che va benissimo anche se non avete ancora capito chi siete. Va benissimo anche se vi sentite diversi e unici, perché siete già perfetti così. Scoprite che cosa vi rende felici, seguite il vostro cuore e andrà tutto alla grande. Siate voi stessi, sempre e comunque. Trovate i vostri punti di forza e siate consapevoli che, dentro di voi, custodite il potere di cambiare il mondo. Con amore, Cara

Se anche voi vi siete detti: “Ok, questo abbigliamento non mi piace. Ma devo indossarlo, ce l'hanno tutti!”. Oppure “Certo, quel posto non fa per me. Ma devo andarci, soltanto chi sta fuori dal giro non si fa vedere”. E, ancora, “So che questo è sbagliato, ma devo farlo comunque. Se no, sembro stupido”.
Ad accomunare questi pensieri, un tarlo che si insinua nella mente: l'opinione degli altri e la considerazione che hanno di noi. E da qui, il tentativo di piacere, di uniformarsi, di essere come tutti, di fare la pecora bianca tra pecore bianche. Perché a nessuno piace essere additato, preso in giro, considerato strano, escluso.
Eppure, in tutto questo c'è qualcosa di profondamente sbagliato. A ricordare quanto alto possa essere il “prezzo da pagare” è proprio Cara Delevingne nel suo “Mirror, Mirror” (leggi la recensione qui). Il primo, atteso, romanzo della modella e attrice britannica che racconta il potere dell'amicizia, descrivendo gli anni turbolenti e imprevedibili dell'adolescenza. Un periodo indimenticabile nel quale ogni esperienza ha un sapore più intenso e un profumo più avvolgente, ma trovare il proprio posto nel mondo è difficile. Come lo è integrarsi, tendere alla perfezione imposta dai canoni stereotipati che governano il nostro mondo, non farsi abbattere dal giudizio degli altri. Soprattutto quando tutti sembrano solo pronti a criticare, senza tener conto di ciò che sta accadendo nella vita dell'altro.
Ecco perché Cara - che di grinta ne ha da vendere, e se la porta tatuata sull'indice della mano destra sotto forma di testa di leone - ha scelto di fare del suo “Mirror, Mirror” un inno ai valori che condivide la stessa autrice. Un libro, diventato manifesto dell'importanza di scegliere ciò che rende felici, di essere consapevoli dei propri punti di forza, di rivendicare la propria unicità.
Solo così, infatti, si riesce a guardarsi allo specchio. Apprezzandosi per le belle persone che si è.
0 mi piace
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: